In caso di separazione o fine di una relazione, si sa, si finisce per litigare per ogni cosa. Ora, però, anche gli animali domestici stanno diventando un terreno su cui battersi. Sembra esserci, infatti, un vero proprio boom di casi in cui, alla fine di una relazione, ad essere oggetto di strumentalizzazioni o ripercussioni è proprio l’animale domestico, spesso usato per costringere il partner a riprendere la relazione. 



Sono ben 203 le segnalazioni, 192 di donne e 11 di uomini, giunte al Tribunale degli Animali di Aidaa che denunciano atteggiamenti di questo tipo da parte dell’ex-partner. Gli animali più coinvolti sono i cani e in 145 casi la minaccia consiste nel “portare via il cane da casa”, mentre in 30 casi in veri e propri maltrattamenti. 



Nei restanti, le vittime risultano gatti e solo in un caso un pappagallo. I più inclini a divenire molestatori sono gli uomini con 177 casi. La regione in cui si sono verificati più episodi è la Toscana, a seguire Piemonte e Lombardia.